Promo App   

Promo | 22 ottobre | “Your Mum and Dad” di Klaartje Quirijns

 

SINOSSI
In Cecoslovacchia, prima dello scoppio della II guerra mondiale, la madre di Michael Moskowitz lasciò casa a 17 anni, senza sapere se avrebbe mai più rivisto la sua famiglia. Ne seguì una vita di traumi e turbe, sia per lei che per suo figlio. Il film segue il percorso di Moskowitz con uno psicoterapeuta di New York, Kirkland Vaughns, uno dei pochi freudiani afroamericani negli Stati Uniti, mentre la regista svela il devastante trauma che ha colpito la propria famiglia. Vaughns indaga i complessi meccanismi della mente, dimostrando quanto sia facile essere “colonizzati”, modellati dai comportamenti dei propri genitori. Nello spiegare questi schemi ricorrenti e universali, è al contempo attratto dall’esplorazione del proprio doloroso passato.

NOTE DI REGIA
Senza accorgermene, ho iniziato questo film 17 anni fa. Ho vissuto a New York e ho iniziato a filmare le sessioni di terapia di un ballerino di colore delle Barbados. Ho poi filmato il terapeuta nelle sue sessioni con un altro terapeuta freudiano di colore. Mi ci sono voluti però 17 anni per rendermi conto che in realtà cercavo di capire qualcosa di me stessa. I miei genitori divorziarono quando io avevo un anno e mia sorella ne aveva due e mezzo. Tuttavia ho sempre evitato le vere domande sulla mia famiglia. Forse ho sempre saputo che c’era qualcosa che non dovevo sapere. Qualche ingombrante segreto. Solo ora capisco che non posso nascondermi dietro le storie di altre persone, come ho fatto da regista per 25 anni. Nel mio film, esploro l’influenza dei genitori, i loro pattern, che vengono ripetuti e trasmessi consciamente o inconsciamente alla generazione successiva.
Come regista di documentari sono attratta da storie grandiose e drammatiche: trafficanti d’armi, cacciatori di dittatori, bambini soldato. Ho ritratto persone in situazioni estreme sullo sfondo di sistemi politici complessi. Usando una forma saggistica, affronto tutto da una prospettiva personale: la mia storia di figlia e la mia storia di madre. Le mie domande vengono direttamente dalla mia difficile storia familiare.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password