Promo App   

Promo | 17 ottobre | Incontro Ravvicinato con Ethan Coen, Sala Petrassi ore 17

Nel 2015 Joel Coen e Frances McDormand, marito e moglie, sono stati i protagonisti di uno degli incontri più seguiti e applauditi della Festa. Quest’anno sarà Ethan Coen, fratello di Joel, che con lui ha firmato successi quali Fargo, L’uomo che non c’era e Il grande Lebowski, a incontrare il pubblico della Festa del Cinema. Regista, sceneggiatore, produttore, montatore e drammaturgo, figlio di un professore universitario e di un’insegnante di storia dell’arte, subito dopo la laurea in filosofia a Princeton inizia a scrivere sceneggiature insieme al fratello. Il primo film che realizzano è Sangue facile, nel 1984, che vince il Premio della Giuria al Sundance Film Festival. È il principio di un sodalizio che continua da oltre trent’anni e che rende impossibile scindere la carriera artistica di Joel da quella di Ethan, un sodalizio fatto di uno stile intellettuale e raffinato, pervaso di un’ironia cinica e impietosa, che ha gettato uno sguardo nuovo e originalissimo sul cinema contemporaneo. Ethan e Joel sono sempre stati coregisti e cosceneggiatori dei loro film ma fino al 2003 il primo firmava la produzione e il secondo la regia. Ladykillers, del 2004, è la prima opera siglata in coppia. Nel 1991 Barton Fink – È successo ad Hollywood vince la Palma d’Oro al Festival di Cannes, ma l’opera con la quale i due fratelli ottengono la consacrazione definitiva e il successo internazionale è Fargo, premiato con l’Oscar® per la Miglior sceneggiatura originale e per la Miglior attrice protagonista, andato a Frances McDormand. Nel 2003 trionfano di nuovo a Cannes con L’uomo che non c’era, vincendo il premio per la Miglior regia. Nel 2008, con Non è un paese per vecchi, tratto dal romanzo di Cormac McCarthy, vincono l’Oscar® per il Miglior film, quello per la Miglior regia e quello per la Miglior sceneggiatura non originale. Comicità e grottesco si fondono nelle loro storie, in cui si aggirano personaggi terribilmente umani e privi di ogni certezza, forse proprio per questo assolutamente irresistibili. Come nel loro ultimo successo, La ballata di Buster Scruggs, film antologico in sei episodi che racconta un West che c’era una volta e che oggi, forse, non c’è più. Con il sostegno dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password