ARCHIVIO NEWS   

LA FABBRICA DEI PROGETTI premia Andrea Segre per “Shun Li e il Poeta”

Fabbrica dei Progetti – New Cinema Network, il mercato di co-produzione del Festival Internazionale del Film di Roma, che ha presentato quest’anno 26 progetti, provenienti da 20 paesi, di cui 14 autori alla loro opera seconda, e 12 progetti internazionali selezionati in tutto il mondo, molti dei quali grazie alla collaborazione con l’Atelier del Festival di Cannes, Film London, Hong Kong Film Financing Forum, tira le somme di 3 giorni di incontri di co-produzione, due giorni di laboratorio e 14 proiezioni e assegna i Premi Focus Europe al Miglior Progetto Europeo e alla Migliore Opera Prima.

Quest’anno Fabbrica dei Progetti ha ospitato 85 società di produzione da 25 paesi (tra cui Celluloid Dreams, Arte, Pandora, Future Films, Mediaproducciones), di cui 20 italiane (tra cui Medusa, Rai Cinema, Indigo, R&C), 17 distributori internazionali (tra cui Memento, No Stop Sales, Indie Circle), ha organizzato circa 950 incontri di co-produzione in tre giorni, ha contato un totale di 1600 spettatori per i 14 film presentati.

La Giuria, composta dai produttori Simon De Santiago, Cedomir Kolar e Rosanna Seregni, chiamata a giudicare i progetti selezionati in Focus Europe di Fabbrica dei Progetti ha assegnato il Premio al Miglior Progetto Europeo di 30.000 euro ad Andrea Segre per il progetto Shun Li e il Poeta (Italia) per il suo approccio originale, poetico e profondamente umano alla materia dell’immigrazione. Vista l’alta qualità dei progetti, la Giuria ha inoltre dato tre menzioni speciali: a Tudor Giurgiu per il progetto Trixy (Romania) per un potente ritratto di un personaggio affascinante e sconosciuto della storia recente europea, a Stefan Faldbakken per il progetto Paradiset (Norvegia) per il sottile ritratto al limite tra l’incesto e l’amore nell’alta società e a David Oelhoffen per il progetto Avant le Feu (Francia) per un ritratto umanistico dell’incontro di due mondi nel drammatico contesto dell’Algeria degli anni 50.

Grazie alla collaborazione tra Fondazione Cinema per Roma e la Presidenza del Consiglio – Dipartimento della Gioventù, 11 giovani autori italiani, con all’attivo cortometraggi di successo, hanno partecipato alle attività di Fabbrica dei progetti – NCN Lab (gli incontri con i produttori Karl Baumgartner, Simon De Santiago, Rosanna Seregni, Cedomir Kolar, Mario Gianani, Giacomo Lopez per Rai Cinema, il regista Paolo Virzì e tutti gli autori selezionati in Focus Europe) e hanno composto la Giuria, presieduta da Maurizio Sciarra, che ha assegnato il Premio Clear Channel alla Migliore Opera Prima di 4000 euro. Il Premio è stato assegnato al film The Bird can’t Fly di Threes Anna (Olanda) per il grande impatto visivo, che grazie ad una personale reivenzione della realtà, racconta personaggi e sentimenti con tocco sicuro ed originale. La giuria ha inoltre dato una menzione speciale al film Nos Retrouvailles di David Oelhoffen (Francia) per la profonda maturità registica e consapevolezza espressiva con cui l’autore ci fa entrare in conflittuale rapporto umano.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password