ARCHIVIO NEWS   

THE BUSINESS STREET. Seconda edizione: un bilancio

A quarantott’ore dalla chiusura della seconda edizone di The Business Street, mentre si confermano e si consolidano le trattative di vendita e di acquisto, il miglior bilancio del successo dell’iniziativa viene dai sui numeri:

142 proiezioni (130 nel 2006)

– 83film disponibili nelle Video Library (Hotel Bernini, Villaggio dell’Auditorium)

25 anteprime di mercato, tra cui Piano, solo di Riccardo Milani (venduto da Adriana Chiesa Enterprises), The Secret di Vincent Perez (EuropaCorp), Sous les toits de Paris di Hiner Saleem (Wild Bunch)

– hanno partecipato, per gli operatori internazionali: 250 buyers (160 nel 2006) tra cui The Weinstein Company, Canal Plus, MK2, Prokino, CJ, Happinet, Sandrew Metronome, Momentum, Vertigo Films, Gaga, Broad Media, King Records e altre ancora, 60 venditori di 40 società: Non Stop Sales, Wild Bunch, Celluloid Dreams/Dreamachine, Sogepaq, TF1, The Match Factory, Bavaria, Gaumont, Pyramide, Films Distribution e altre ancora.

– 600 il totale degli accreditati (440 nel 2006), da oltre 40 paesi: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Bosnia Herzegovina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Hong Kong, India, Irlanda, Israele, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Puerto Rico, Regno Unito, Romania, Russia, Singapore, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Taiwan, Tailandia, Turchia, Ungheria, Ucraina.

In testa per numero di accreditati Francia, Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti e Giappone, oltre naturalmente all’Italia, che ha visto partecipare attivamente tutte le istituzioni, dalla Camera di Commercio di Roma, la Regione Lazio con le sue società Sviluppo Lazio, Filas e Film Commission Roma e Lazio, con ICE – Istituto per il Commercio Estero al Ministero del Commercio Internazionale con il Ministro Emma Bonino e Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il saluto del Ministro Francesco Rutelli alla cena di apertura di Business Street. Inoltre abbiamo avuto Confindustria con la FICCI, presente con una delegazione di 68 produttori indiani, l’Associazione dei Documentaristi, Media Consulting Gruop e l’API – Associazione dei Produttori Indipendenti – che hanno partecipato attivamente con Business Street con l’organizzazione dei rispettive conferenze, Forum economici, incontro per fare il punto delle situazione su contenuti per il cinema che i metodi di finanziamento. Tutti con il solo obiettivo del sostegno alla produzione e alla promozione del cinema nazionale ed Europeo.

Tra gli screening di mercato che hanno richiamato più presenze a Business Street, spiccano gli italiani, con Piano, solo di Riccardo Milani al primo posto in assoluto, seguito da L’Abbuffata di Mimmo Calopresti e La giusta distanza di Carlo Mazzacurati. Tra i prodotti internazionali, il più visto è stato: 12 di Nikita Mikhalkov, presente anche a Venezia; Peur(s) du Noir, il film-sorpresa di Cinema2007, seguito da Ben X di Nic Balthazar, The Princess of Nebraska di Wayne Wang (Toronto 2007); The Secret di Vincent Perez; Ce que mes yeux ont vu di Laurent De Bartillat (Cinema2007), Suso’s Tower di Tom Fernandez, Reclaim your brain di Hans Weingartner, A thousand years of good prayers di Wayne Wang, Before the rains di Santosh Sivan e The three robbers di Hayo Freitag (Alice in the City).

Oltre alle istituzioni Business Street vuole ancora una volta ringraziare Cinecittà Holding, Krug e la bellissima Terrazza dell’Hotel Bernini Bristol, l’Hotel Excelsior, Rai Trade per il nuovo servizio digitale di 14 postazioni di Video Library. Unioncamere Nazionale per l’ospitalità presso gli Hortii Sallustiani a tutti i nostri incontri dal 19 al 21 ottobre e Technicolor per il loro sostegno tecnico.

The Business Street è diretta da Giorgio Gosetti, manager: Sylvain Auzou e Diamara Parodi.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password