ARCHIVIO NEWS   

Gere: conferenza chiacchierata con il mago dell’imbroglio

“La giuria popolare? Trovo che sia giusto che il pubblico esprima la sua opinione sul cinema, che è una forma d´arte pretttamente popolare. Roma? Varrebbe la pena tornarci anche solo per mangiare un insalata di funghi ovoli. L´ho provata ieri sera. Un´esperienza unica”. Un Richard Gere in forma, sempre molto affascinante, in completo grigio e occhiali si siede in Sala Santa Cecilia accompagnato da Antonio Monda. Partecipa alla Festa con il film The Hoax di Lasse Hallstrom nella sezione Premiére. L´attore ricorda che il film è a Roma in anteprima mondiale, uscirà negli Stati Uniti solo ad aprile, e che partecipare alla Festa lo rende felicissimo.
 
Dopo avere schivato un tentativo di effusioni indiscriminate da parte di Enrico Lucci, delle Iene, Gere saluta i giornalisti in italiano. Le prime due file sono occupate quasi solo da giornaliste donne che scattano foto al divo. Ai flash e alle domande sul suo sex appeal risponde divertito: “Ho 57 anni, fino a quando potrò continuare a essere un sex symbol?”. La conferenza continua come una piacevole chiacchierata, Gere parla di politica, di spiritualità, di viaggi e di storia. E naturalmente di The Hoax. Nel film interpreta il personaggio di Clifford Irving, giornalista che scrive una finta biografia sul misterioso personaggio di Howard Hughes. “Ho letto molte volte la sceneggiatura e dopo la proposta di Hallstrom ho accettato immediatamente. Il mio personaggio è un uomo che sa mentire, come tutti d´altronde. Lo facciamo per proteggersi. Mi ha affascinato vedere come da una piccola bugia, forse uno scherzo, sia nata una storia che coinvolge anche aspetti politici”.
 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password