FESTA DEL CINEMA   Primo piano | Festa del Cinema   

#RomaFF12 | Gli altri eventi della Festa

TRAME D’AUTORE | Sei video-opere tra arte e letteratura
Auditorium Parco della Musica – Studio 2 – Studio 3 | 26 ottobre – 5 novembre | Dal lunedì al venerdì 17 – 21 | Sabato, domenica e 1 novembre ore 17 – 22
L’arte contemporanea diventa protagonista alla Festa del Cinema. All’Auditorium Parco della Musica, è allestita la mostra “Trame d’autore”, un progetto promosso e ideato da Simona Marchini, in cui vengono presentate sei opere-video che nascono dall’interazione di sei artisti, sei scrittori e sei registi. Le opere di Pizzi Cannella, Hidetoshi Nagasawa, Roberto Pietrosanti, Marina Sagona, Giuseppe Salvatori e Jannis Kounellis (primo omaggio postumo al grande artista) dialogano con la scrittura di Emanuele Trevi, Claudio Damiani, Jhumpa Lahiri, Marco Lodoli, Aurelio Picca ed Elena Stancanelli. La narrazione che ne emerge si fa immagine attraverso sei cortometraggi che saranno proiettati negli spazi dello Studio 2 e Studio 3, dove inoltre saranno riunite le opere già utilizzate come elementi drammaturgici. Nella sua duplice veste di attrice e gallerista, Simona Marchini ha voluto mettere in comunicazione il linguaggio delle arti visive e quello della letteratura per dare forma a un linguaggio terzo e fusionale: quello del video d’autore. Le foto del backstage, realizzate da Dino Ignani, saranno proposte a La Nuova Pesa (via del Corso 530, Roma) per tutto il periodo della Festa del Cinema.

  • Monte Soratte, è sera | Testo di Claudio Damiani – Opera di Jannis Kounellis – Roberto Herlitzska, attore – Giorgio Marchesi, attore – Regia di Chiara Bondì
  • Sentirsi tigre | Testo di Emanuele Trevi “Opinioni di una zanzara”Opera di Hidetoshi Nagasawa – Lorenza Indovina, attrice – Sceneggiatura e regia di Francesco Ranieri Martinotti
  • Punto e a capo | Testo di Marco Lodoli – Opera di Roberto Pietrosanti – Gigi Proietti, attore – Luca Zingaretti, attore – Emanuele Propizio, attore – Regia di Manuela Tempesta
  • Ambulanza | Testo di Aurelio Picca – Opera di Pizzi Cannella – Alessandro Haber, attore – Pizzi Cannella, attore – Regia di Giuliana Gamba
  • 47 anni 1 mese e 3 giorni | Testo di Jhumpa Lahiri – Opere di Marina Sagona – Simona Marchini, attrice – Regia di Isabel Achaval
  • E | Testo di Elena Stancanelli – Opera di Giuseppe Salvatori – Francesco D’Alesio, attore – Gloria Carovana, attrice – Regia di Rocco Mortelliti

I VOLTI DI TOTÒ
Auditorium Parco della Musica – Foyer Sinopoli | 26 ottobre – 5 novembre
In occasione del restauro di Miseria e nobiltà di Mario Mattoli, il Centro Sperimentale di Cinematografia ha estratto dalla sua fototeca alcune bellissime foto di Totò, tratte dai suoi film più celebri ma anche da quelli meno noti al grande pubblico. L’attore napoletano, protagonista indiscusso della storia del cinema, del teatro e della comicità italiani, sarà nel cuore della Festa, presso il Foyer Sinopoli, per tutta la durata della manifestazione: un modo per ritrovare e riscoprire, con un sorriso, i molti volti dell’iconico Totò, in un omaggio al grande comico italiano a cinquant’anni dalla scomparsa.

AFRICA, PER ME NON SEI ZERO
Mostre, eventi e un cortometraggio con Remo Girone, Paolo Briguglia e Lorenzo Lavia, per dire tutti insieme: “Africa, per me non SEI ZERO”. È questo il claim della campagna, curata da Sabina Leoni, che Amref ha lanciato in occasione del suo sessantennale e che ripropone alla dodicesima Festa del Cinema, in qualità di Partner per il sociale. Al centro del cortometraggio l’intreccio tra le fake news e il lavoro delle organizzazioni umanitarie, indagato dallo strano personaggio David Troll (Paolo Briguglia). Il cortometraggio, diretto da Antonio Costa e prodotto da 8Production, è presentato in anteprima da Amref presso il Teatro Studio Gianni Borgna, a seguire un documentario del maestro Werner Herzog, dedicato ai fondatori di Amref, I medici volanti dell’Africa Orientale. Amref porta in mostra presso il Foyer della Sala Petrassi anche ventuno volti per l’Africa, i testimonial che hanno accompagnato la storia di Amref, splendidamente ritratti da Francesco Cabras. A “dichiarare” il proprio amore per l’Africa sono: Fiorella Mannoia, Roberto Saviano, PIF, Giobbe Covatta, Erri De Luca, Neri Marcorè, Alex Braga, Lillo e Greg, Sergio Cammariere, Riccardo Iacona, Alessandro Preziosi, Claudia De Lillo, Cecile, Ludovico Fremont, Remo Girone, Paolo Briguglia, Corrado Augias, Marco Baliani, Lella Costa e Sveva Sagramola.

DIE FLIEGENDEN ÄRZTE VON OSTAFRIKA | THE FLYING DOCTORS OF EAST AFRICA | I MEDICI VOLANTI DELL’AFRICA ORIENTALE
di Werner Herzog, Repubblica Federale di Germania, 1969, 45’

FENDI STUDIOS | Un’esperienza digitale immersiva che fa rivivere il rapporto tra la Maison romana e il mondo del cinema
Palazzo della Civiltà Italiana, Roma | 27 ottobre 2017 – 25 marzo 2018 | Ingresso gratuito
FENDI celebra il suo profondo e duraturo legame con il mondo del cinema attraverso una mostra innovativa e sorprendente, intitolata FENDI STUDIOS, che esplora questo rapporto unico tra la storica Maison e la settima arte avvalendosi di tecnologie digitali e immersive. La mostra si svolge presso il Palazzo della Civiltà Italiana, sede della Maison romana, legata con filo diretto alla storia del cinema, poiché è stata negli anni teatro di film come Boccaccio 70, Titus e Zoolander II. La mostra è divisa in diversi spazi, gli studios, dove è possibile immergersi in alcuni set cinematografici interattivi tratti dai film per i quali FENDI ha realizzato negli anni abiti, accessori e capi in pelliccia, solo per citarne alcuni: Evita, Il diavolo veste Prada e Grand Budapest Hotel. Questa collezione di costumi è esposta e presentata nei diversi spazi della mostra, affiancati da una sala cinematografica dove ogni giorno vengono proiettati i film scelti dalla Maison secondo un programma specifico. FENDI STUDIOS è un invito a scoprire, in chiave moderna e contemporanea, la passione naturale tra FENDI e il cinema, fatta di glamour e di dinamiche altamente creative. La mostra consente ai visitatori di vivere un’esperienza digitale unica dove viene loro offerta la possibilità di interagire e reinventare il film, entrare ‘dentro le scene’ e esserne i protagonisti, fare dei selfie e condividere questa esperienza unica in tempo reale.

POLITEAMA – LETTURA CONCERTO
a cura di Gianni Amelio e Mario Sesti
Il romanzo di esordio di uno dei più importanti autori del cinema contemporaneo verrà letto integralmente da una occasionale compagnia di attrici, attori, autori, intellettuali e compagni di strada: un reading, accompagnato da musica, che metterà in scena una biografia toccante, romanzesca, palpitante e tragica, proprio come in un film. Tra le adesioni quelle di Sonia Bergamasco, Francesco Bruni, Pino Calabrese,  Renato Carpentieri, Serena Dandini, Piera Degli Esposti, Fabrizio Gifuni, Alessandro Haber, Raffaella Lebboroni, Luigi Locascio, Lina Sastri, Greta Scarano, Giulio Scarpati.

REBIBBIA
Auditorium di Rebibbia N.C. – Sala Cinema “Melograno” di Rebibbia Femminile, Roma | 30 ottobre – 3 novembre
Anche quest’anno la Festa del Cinema di Roma abbatte simbolicamente la barriera fra Città e Carcere. Dal 30 ottobre al 3 novembre ospita a Rebibbia N.C. e Rebibbia Femminile cinque appuntamenti internazionali, aperti a liberi, detenuti e detenute: un esperimento di integrazione attraverso il Cinema e il Video-Teatro, con proiezioni pomeridiane e serali, grandi film.

Auditorium di Rebibbia Nuovo Complesso
Si parte il 30 ottobre con la prima di “Hamlet in Rebibbia”, spettacolo in live streaming full-HD dal carcere in collegamento diretto con l’Auditorium del MAXXI, col Teatro della Tosse di Genova, numerosi Teatri e Carceri italiani. Un nuovo cult dei detenuti-attori – già protagonisti di “Cesare deve morire” ora alle prese con la più celebre opera di Shakespeare, per la regia di Fabio Cavalli. Al termine dell’evento saluti live fra i detenuti-attori e il pubblico del MAXXI (aperto con accreditamento in entrambe le sale). L’evento nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Cinema per Roma, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e il Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università degli Studi Roma Tre, con l’impegno produttivo de La Ribalta – Centro Studi Enrico Maria Salerno. Da martedì 31 ottobre a giovedì 2 novembre proiezioni di film della Festa del Cinema aperte al pubblico esterno dell’Auditorium di Rebibbia. Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti. Per info e prenotazioni www.enricomariasalerno.it

Rebibbia Femminile – Sala Cinema “Melograno”
Il 3 novembre alle ore 11, la Festa del Cinema approda per la prima volta nella sala cinema “Melograno” della Casa Circondariale Femminile di Roma Rebibbia, inaugurata in collaborazione con Fondazione Cinema per Roma lo scorso 8 marzo. Con la partecipazione delle detenute e di studenti delle scuole e università romane, verrà proiettato uno dei film della Festa e il cortometraggio SalviAmo la faccia, realizzato dalle donne recluse all’interno dell’istituto di pena, con la regia di Giulia Merenda. L’evento fa parte del progetto contro la violenza di genere e per l’empowerment femminile “SalviAmo la faccia”, sostenuto dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, destinato a circa sessanta detenute, inclusa la sezione delle transessuali, realizzato dal CPIA 1 di Roma (Centro Provinciale Istruzione Adulti) e da “Ossigeno per l’informazione”.  

POLICLINICO UNIVERSITARIO AGOSTINO GEMELLI
L’edizione 2017 della Festa del Cinema avvia una nuova straordinaria collaborazione, proponendo ai pazienti del Policlinico Gemelli – in contemporanea con le sale dell’Auditorium Parco della Musica – due film selezionati nel Programma Ufficiale della Festa e scelti con attenzione per un pubblico molto speciale. Da aprile 2016 esiste, infatti, una vera sala cinema all’interno del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, entrata a regime a settembre dello stesso anno con un programma bisettimanale, il martedì per tutti i pazienti e il giovedì dedicata ai reparti pediatrici. La programmazione di film in contemporanea a quella delle “normali” sale cittadine – grazie alla grandissima collaborazione con tutte le aziende di produzione e distribuzione cinematografica – è rivolta ai malati e ai loro familiari e accompagnatori: un innovativo strumento di cura che accompagna le terapie tradizionali e si propone di offrire ai degenti un “effetto pausa” e il sollievo di una sensazione di normalità. Il metodo e la gestione del programma, su base nazionale e in fase di sviluppo, è in capo a MediCinema Italia Onlus, che ha promosso contemporaneamente un progetto di ricerca scientifica coordinato dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con gli ospedali di altre città dove MediCinema è già presente. www.medicinema-italia.org | Comunicazione: Barbara Bargna b.bargna@medicinema-italia.org | Nicola Cerbino nicola.cerbino@policlinicogemelli.it

CREATIVITÀ E CRESCITA CULTURALE IN EUROPA: QUALE RUOLO PER IL SERVIZIO PUBBLICO?
MAXXI | 28 ottobre ore 9.30
Sabato 28 ottobre, nell’ambito di Eurovisioni XXXI, la Festa del Cinema di Roma ospiterà – per iniziativa congiunta dell’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma ed Eurovisioni – un seminario sul tema: “Creatività e crescita culturale in Europa: quale ruolo per il servizio pubblico?”. Una conversazione, condotta da Luca Bergamo, tra servizi pubblici radio-tv, industria, osservatori dell’audiovisivo e promotori di politiche culturali per stabilire quanto ancora il servizio pubblico radiotelevisivo alimenta oggi in Europa la creatività e impatta la vivacità culturale nazionale.
Nell’era digitale le modalità tradizionali di produzione, distribuzione, promozione e consumo dei prodotti culturali sono messe in discussione. In questo nuovo contesto c’è più bisogno che mai di stimolare e alimentare la creatività culturale di un paese e garantire a tutti i suoi abitanti la possibilità di fruirne e/o di esserne partecipi. Ma come? Nel corso del seminario verranno anche presentate alcune delle esperienze più significative in corso di collaborazione creativa fra TV ed istituzioni culturali e si cercherà di rispondere ad alcune di queste domande:
– Oggi con migliaia di canali a disposizione su internet, con le generazioni più giovani che producono e fruiscono sul web pezzi di tv e dove ognuno si crea un proprio palinsesto, può ancora il servizio pubblico ed in che modo, essere il veicolo principale, garante di qualità e affidabilità, della produzione e diffusione di cultura, creatività, immaginario a livello nazionale?
– Il tradizionale modello del Servizio Pubblico che finanzia la produzione culturale è ancora adeguato o bisogna rimetterlo in discussione?
– Possono le nuove piattaforme di distribuzione sostituire le tv nazionali anche se si occupano quasi esclusivamente di distribuzione, trascurando completamente la produzione?
– E’ solo questione di aumentare i trasferimenti dal Servizio Pubblico multimediale ai produttori indipendenti (come propone il ministro della Cultura in Italia), o si tratta piuttosto di sviluppare nuovi modi di partecipazione diffusa e di incentivare la creatività dei singoli cittadini sfruttando le nuove opportunità del digitale?
– L’attuale sistema di regole per la sovvenzione della produzione culturale sopravviverà all’espansione dell’e-commerce e della globalizzazione?
– La lingua: lingua ed esperienza culturale fino ad oggi sono state intimamente legate. Domani sarà ancora così? O l’inglese sostituirà la separazione linguistica che oggi è alla base della diversità culturale

CONDIZIONI CRITICHE: DALLA STAMPA ALLO SMARTPHONE: RECENSIONI, CRITICA CINEMATOGRAFICA E VIDEO-SAGGI
La critica cinematografica da riviste, giornali e mass media a libri e web: in che modo il mezzo cambia il messaggio? La forma scritta è la migliore per informare, recensire e comunicare il lavoro scientifico e accademico? I libri di critica cinematografica si rivolgono unicamente e sostanzialmente ad un pubblico di studiosi? Alla fine YouTube e il video editing potranno dare nuova forma alla tradizionale recensione cinematografica? Dopo l’esperienza positiva dello scorso anno, il panel Condizioni Critiche, intende trasformarsi in un appuntamento annuale per parlare dello stato delle cose nella critica e nel cinema, ritorna quest’anno con un incontro che vedrà la partecipazione di Annette Insdorf, docente di Film Studies alla Columbia University e autrice di “Cinematic Overtures: How to Read Opening Scenes” (Columbia University Press),  A.O. Scott, critico cinematografico del The New York Times, autore di “Elogio alla critica. Imparare a comprendere l’arte, riconoscere la bellezza e sopravvivere al mondo contemporaneo” (Il Saggiatore) e Paolo Mereghetti, critico del Corriere della Sera e autore del celebre dizionario dei film “Il Mereghetti” (Baldini & Castoldi Dalai). Mario Sesti – Coordinatore Artistico del Comitato di Selezione e Responsabile delle Retrospettive – condurrà l’incontro coinvolgendo una platea di critici e appassionati di cinema e aprendo la discussione a domande e commenti dal pubblico.

ROMA LAZIO FILM COMMISSION
AuditoriumArte – Auditorium Parco della Musica | 26 ottobre – 5 novembre  
Roma Lazio Film Commission promuove il cinema, l’audiovisivo e le coproduzioni, proponendosi come punto di incontro tra le principali realtà produttive nazionali, internazionali e il Lazio, territorio di grande tradizione cinematografica.
RLFC rinnova la sua presenza alla Festa del Cinema di Roma, con numerose iniziative e attività, che si svolgono nello spazio AuditoriumArte, all’interno dell’Auditorium Parco della Musica:

  • Promozione delle risorse del territorio
  • Orientamento sugli strumenti finanziari che la Regione Lazio mette a disposizione del settore audiovisivo
  • Postazione per la visione immersiva 3D delle location della regione Lazio con l’app Location360
  • Incontri per la formazione:

 – CineCampus Masterclass – Lezioni di Cinema (26 – 30 ottobre)
Opportunità formativa rivolta a giovani studenti e professionisti del settore cinematografico e audiovisivo con masterclass dedicate a produzione, recitazione, regia con maestri del settore.
– CineCampus Atelier – La tecnica del cinema (31 ottobre – 3 novembre)
Iniziativa dedicata alle professioni tecniche con lezioni specifiche sulle tecniche di ripresa, visione, suono, effetti speciali e sulle nuove metodologie di ripresa con i droni.

LAVORO, TALENTO E CREATIVITÀ
Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi | 27 ottobre
Il tema del futuro delle professioni nel cinema e nell’audiovisivo sarà al centro del convegno organizzato il 27 ottobre da Fondazione Cinema per Roma nell’ambito della Festa del Cinema di Roma, con il sostegno del MISE – Ministero per lo Sviluppo Economico e di ITA- ICE Italian Trade Agency, e con la partecipazione di istituzioni, associazioni, professionisti e protagonisti del settore. L’incontro verrà introdotto da una relazione di Bruno Zambardino, che presenterà la ricerca “Il Capitale Umano”, da lui coordinata, realizzata da A.S. For CINEMA con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale per il Cinema. Il report presenta una ricognizione delle professionalità nel cinema e nell’audiovisivo, indagandone l’evoluzione nelle diverse componenti.  L’industria audiovisiva si presenta oggi come un’attività integrata, non limitata al cinema e alla televisione, ma che coinvolge altri settori produttivi, dall’industria musicale all’editoria, dall’industria del gaming al merchandising. Questa complessità richiede, dunque, professionalità diverse e nuove competenze. Il Convegno si svilupperà attorno alle prospettive di sviluppo e di evoluzione professionale dell’industria cinematografica e audiovisiva, e alla necessaria articolazione di nuovi percorsi formativi, soprattutto rivolti ai giovani, e vedrà il contributo di ANICA, APT e Istituto Luce Cinecittà. Il nuovo assetto di Cinecittà, con il rilancio degli Studios, l’apertura del MIAC (Museo del Cinema e dell’Audiovisivo), e il progetto di laboratori e workshop specificatamente dedicati alla formazione di nuove professionalità è uno degli elementi significativi delle nuove prospettive dell’intero settore, che non a caso assegna proprio al Lazio, insieme alla Lombardia, il primato nell’occupazione. Il convegno si occuperà, inoltre, delle novità legate alla nuova legge per il cinema e delle sue possibili ricadute occupazionali e del ruolo strategico rappresentato dalle Film Commission per attrarre risorse e promuovere la straordinaria specificità territoriale italiana. Ad arricchire la giornata, infine, le testimonianze di grandi eccellenze italiane nel mondo e di protagonisti di prestigio del made in Italy nel cinema, riconosciuti a livello internazionale.

NUOVI LINGUAGGI TRA CINEMA E COMUNICAZIONE
AuditoriumArte – Auditorium Parco della Musica | 30 ottobre ore 15
FERPI – Federazione Italiana Relazioni Pubbliche organizza il workshop “Nuovi linguaggi tra Cinema e Comunicazione” per promuovere le attuali innovazioni nei linguaggi e nelle piattaforme della comunicazione. Giovani professionisti, esperti di comunicazione, del settore cinematografico e giornalisti si confrontano offrendo spunti di riflessione sui possibili scenari e nuove modalità di fruizione del cinema. A cura di Elisa Greco – Consiglio Direttivo Ferpi, Federica Carini e Susanna Zirizzotti – Delegazione Ferpi Lazio.

IL LAVORO CHE VOGLIAMO
AuditoriumArte – Auditorium Parco della Musica | 27 ottobre ore 11
C’erano una volta le fabbriche. C’era una volta il posto fisso. Ci sono ancora, ma in Italia l’avvento della quarta rivoluzione industriale sta cambiando la nozione stessa del lavoro, tra precarietà e progressiva perdita di diritti e dignità. Il lavoro che vogliamo di Andrea Salvadore è un viaggio in otto realtà diverse per collocazione geografica, struttura dell’impresa, storia. In Lombardia la start up D-Orbit e la storica azienda tessile Lubiam; nelle Marche il pastificio di Campofilone e la Loccioni che realizza sfide tecnologiche per la cura, la salute, la casa; in Calabria la coop del biologico Goel; in Toscana la BB Holding, meccanica di precisione; nel Veneto l’impresa chimico-farmaceutica Zambon e il Centro Polifunzionale Civitas Vitae, che cambia il modo di affrontare la cura dell’anziano. Un docufilm che è una storia italiana di uomini e donne che provano a costruire una possibilità di lavoro “degno”. Come affermato dal Magistero sociale della Chiesa e dalla nostra Costituzione. Alla proiezione del documentario seguirà un dibattito con il Presidente della CEI Arcivescovo Gualtieri Bassetti, il direttore di TV 2000 Paolo Ruffini, il giornalista Filippo Gaudenzi e il regista Andrea Salvadore. L’evento è a cura di TV 2000.

CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
La Festa del Cinema testimonia il suo impegno contro la violenza sulle donne ospitando tre eventi in cui il cinema, attraverso la forza delle storie che racconta, è in prima fila nella mobilitazione per il rispetto delle donne.

SARA
di Stefano Pistolini e Massimo Salvucci, Italia, 2017, 62’ | Doc |
“Mai visto un delitto così efferato” dice Luigi Silipo, comandante della Squadra Mobile di Roma. Si riferisce all’omicidio di Sara Di Pietrantonio, la ragazza romana uccisa dall’ex fidanzato alle prime ore del 29 maggio 2016, ennesimo anello della catena di femminicidi che imprigiona la nostra società. Sara ricostruisce i fatti e individua le motivazioni, senza cedimenti scandalistici. Parlano i protagonisti: lo sforzo è descrivere e individuare le cause di questa epidemia di violenza al femminile. Il film verrà trasmesso il 26 novembre, in occasione della giornata di mobilitazione nazionale contro la violenza sulle donne, su Real Time, canale 31. Al termine della proiezione, incontro con Concetta Raccuia (mamma di Sara), Dacia Maraini, la senatrice Francesca Puglisi (Presidente Commissione Parlamentare di Inchiesta sul Femminicidio), Daniele Autieri (coautore del documentario). Sara è scritto da Daniele Autieri, Stefano Pistolini, Giuseppe Scarpa.

MA L’AMORE C’ENTRA? | IS IT ABOUT LOVE?
di Elisabetta Lodoli, Italia, 2017, 52’
Tre uomini si raccontano: la loro vita è scoppiata quando hanno compiuto violenza contro la compagna ma hanno avuto paura e hanno deciso di provare a cambiare. Tre storie quotidiane e sconvolgenti che indagano la nostra educazione sentimentale e si incrociano nel luogo in cui i protagonisti hanno cercato aiuto.

DOPPIA DIFESA – UCCISA IN ATTESA DI GIUDIZIO
di Andrea Costantini con Ambra Angiolini e Alessio Boni
La Fondazione Doppia Difesa, impegnata contro la violenza sulle donne, presenta alla Festa del Cinema di Roma il film, prodotto dalla Camaleo, Uccisa in attesa di giudizio, di Andrea Costantini, con protagonisti Ambra Angiolini e Alessio Boni, ispirato alla campagna lanciata da Doppia Difesa “Stop alle donne che muoiono in attesa di giudizio”. Per l’occasione, si svolgerà un incontro sui temi della giustizia e della violenza contro le donne. Fondazione Doppia Difesa è stata promossa nel 2007 da Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno per aiutare le donne che hanno subito discriminazioni, violenze e abusi ma non hanno il coraggio, o le capacità, di intraprendere un percorso di denuncia.

“ROMARCORD”. STORIA E MEMORIA DEI CINEMA ROMANI
La prima puntata del documentario realizzato dagli studenti di cinema dell’Università “La Sapienza” di Roma (Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo). Diviso per quartieri e zone della città, Romarcord racconta la storia e la memoria delle sale cinematografiche romane lasciando parlare i ricordi degli spettatori. Un archivio di voci, memorie, immagini che non vuole essere un “de profundis” per la sala ma una riflessione capace di rilanciarne la vitalità. Una storia sociale dei cinema di un tempo vista con gli occhi dei giovani di oggi che intreccia la storia del tessuto urbano della città. Seguirà un incontro sul tema del documentario. Progetto a cura di Andrea Minuz e Damiano Garofalo.

65 VOLTE ANAC: GLI AUTORI CINEMATOGRAFICI DALLA FONDAZIONE A OGGI
Per i suoi 65 anni, l’Associazione Nazionale Autori Cinematografici ha avviato un progetto di film documentario strutturato in quattro parti di cui 65 volte Anac è una riduzione non ancora terminata, ma nella quale già è rappresentata in forma sintetica quale sarà “opus” definitiva. La narrazione parte dagli anni precedenti la fondazione per giungere sino ad oggi. Il nucleo centrale del documentario è formato dalle testimonianze e dalle interviste ad alcuni dei suoi soci e esponenti storici: Carlo Lizzani, Ettore Scola, Callisto Cosulich, Mino Argentieri Emidio Greco e poi Citto Maselli, Ugo Gregoretti, Nino Russo, Massimo Sani, Giovanni Arnone, Cecilia Mangini, Otello Angeli, Virgilio Tosi. L’ideazione, le riprese, la regia, il montaggio del film è il frutto di un lavoro collettivo coordinato da Francesco Ranieri Martinotti, Pierpaolo Andriani, Tino Franco, Giuliana Gamba, Alessandro Rossetti, Giacomo Scarpelli, Alessandro Trigona, coadiuvati da alcuni dei giovani che rappresentano le nuove leve dell’associazione, Francesco Abbonante, Carlo Barbalucca, Francesco Gallo, Valerio Principessa  e da un gruppo di giovani  di Cinemonitor  diretto da Roberto Faenza. 
A seguire un incontro, condotto da Mario Sesti, con Francesco Ranieri Martinotti, Giuliana Gamba, Alessandro Rossetti e Giacomo Scarpelli alla presenza dei protagonisti della storia di Anac tra i quali Citto Maselli, Ugo Gregoretti e Giuliano Montaldo.

CINEMA E MODA: DUE ECCELLENZE ITALIANE, DUE MONDI CHE HANNO DA SEMPRE UN LEGAME SPECIALE CON LA CITTÀ ETERNA.
Hotel De Russie – Via del Babuino,9 | 26 ottobre – 5 novembre 18:30 – 21 | Ingresso gratuito
Da qui l’idea molti anni fa di raccontare questo incontro fra le pagine di Luxury files magazine. Un modo per comunicare il Made in Italy, il savoir faire italiano, attraverso la bellezza e la bravura di noti volti del cinema contemporaneo che raccontano storie affascinanti con un sottile gioco di sguardi e complicità. Oggi in mostra ‘Scatti di Cinema & Moda’ una rassegna dei più sofisticati scatti fotografici a noti attori ed attrici realizzati e pubblicati dal magazine, che sul set per un giorno hanno interpretato il connubio fra cinema e moda attraverso suggestioni oniriche. Emozioni in cui è protagonista indiscussa la luce. Fra i protagonisti degli scatti in mostra: Carolina Crescentini, Giorgio Pasotti, Stefania Rocca, Miriam Leone, Rocio Munoz Morales, Giulia Bevilacqua, Fabio Troiano, Anna Foglietta, Elena Radonicich, Daniela Virgilio, Alessandro Roja, Tea Falco, Giorgio Marchesi, Giulio Berruti, Vincenzo Amato e Gianmarco Tognazzi.
La mostra, patrocinata dalla Festa del Cinema di Roma, sarà aperta al pubblico dal 26 ottobre al 5 novembre dalle 18.30 alle 21.00 nello splendido set d’eccezione dell’Hotel de Russie, da sempre location amata dalle celebrities di tutto il mondo.
Hashtag ufficiali: #scattidicinemaemoda #luxuryfilesmagazine #RFF12 #HoteldeRussie #RFInsiders #roccofortehotels
Info:  redazione@luxuryfiles.it – fcampailla@roccofortehotels.com

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

WordPress Lightbox